www.cascinarossago.net

Wednesday
Jun 28th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Laboratori

Le persone autistiche non sono solo “autismi”, sono persone tutte diverse fra di loro. Non hanno solo livelli diversi di abilità o disabilità. Hanno anche attitudini, gusti, storie personali, psicologie e motivazioni differenti. Di tutto ciò occorre tener conto per una sensata progettazione abilitativa. La fattoria agricola consente un ricco arco di attività differenziate ma comunque significative, in cui coinvolgere tutti, dal più abile al meno abile. Gli inserimenti sono ovviamente progettati secondo piani individuali che tengono conto sia del profilo delle disabilità/abilità (presenti, emergenti, ecc.) sia degli aspetti personologici.I progetti sono costantemente monitorati e periodicamente rivalutati.

La vita di una comunità come Cascina Rossago, in cui si alternano momenti di lavoro, attività strutturate di vario tipo e momenti di svago, di sport e di riposo,  è di per sé ricca di occasoni a forte interese “abilitativo”: basti pensare alla cura del sé, alla collaborazione nelle attività domestiche quotidiane  (sia quelle negli spazi comuni sia quelle serali nelle tre case), alle molteplici incombenze di collegamento con il territorio circostante, al contesto comunitario stesso, cui partecipano non solo i 24 abitanti autistici, ma i circa 40 operatori, molti dei quali loro coetanei, gli studenti e i tirocinanti di numerosi corsi di laurea, volontari, i musicisti che collaborano alla “Orchestra invisibile”. In questa fittissima rete di rapporti, scambi e attività, gli abitanti di Cascina sono costantemente implicati e coinvolti il più possibile. Oltre a ciò, le principali attività strutturate sono:

  • Attività agricole interne, nel terreno della Cascina. Variano per cicli stagionali (stabilità di fondo data dai ritmi della natura): coltivazione e raccolta di frutta del frutteto (circa 500 alberi da frutto); orticultura dei terrazzamenti ad orto; raccolta del fieno; della legna dei boschi. 
  •  Attività agricole esterne, anch’esse diverse per cicli stagionali: raccolta e trasporto legna per altre cascine; vendemmia..
  • Attività di allevamento e di stalla. E’ una attività che impegna tutto l’anno. Vi sono numerosi  animali da cortile (soprattutto capre, galline, oche, sono previsti degli asini). Ma l’attività fondamentale è quella di un allevamento di alpaca  (attualmente 15 Alpaca: 12 sono nati a Cascina, ogni ospite di Cascina a turno dà il nome ad un nuovo nato…), che danno un grande impegno continuo,  ma che sono animali molto adatti e molto empatici (e che hanno trovato anche loro un habitat felice sulle colline dell’Oltrepo), oltre a fornire la lana per il laboratorio di tessitura.
  • I laboratori artigiani: Falegnameria e restauro. Tessitura. Ceramica. Terapia occupazionale. Gli ospiti ci lavorano assieme a maestri d’opera oppure ad educatori-maestri d’opera (educatori che hanno appreso a loro volta da maestri d’opera le tecniche specifiche).
  • I laboratori di attività espressive: Musica, Pittura e Arteterapia, Bricolage
  • I laboratori di attività cognitive
  • I programmi sportivi. Trekking,  Basket, Piscina
  • Altre attività esterne. Alcuni abitanti di Cascina Rossago sono spesso impegnati, assieme agli operatori, in molteplici attività  “sociali”: partecipazioni a fiere, in cui vengono esposti e venduti i prodotti dei laboratori di Cascina, manifestazioni di vario tipo (ad esempio i concerti dell’ “Orchestra Invisibile").

La "fattoria" Cascina Rossago

La

L'attività agricola è un’attività centrale nella vita di Cascina Rossago, che sorge dalla ristrutturazione di una ex azienda agricola dismessa e mantiene il carattere fortemente agricolo di "fattoria". Cascina Rossago si estende su una superficie di 18 ettari, in parte boschivi, in parte a pascolo, in parte coltivati. Ci sono un frutteto con circa 500 alberi da frutto e un orto. Gli ospiti di Cascina Rossago sono fortemente implicati, con l'aiuto di maestri d'opera, nelle diverse attività agricole e di orto-frutticoltura.

Nel 2013, con il sostegno della Fondazione Bussolera-Branca, è stato realizzato un vigneto di cinque filari di uva da tavola. La cura delle viti è parte integrante delle attività riabilitative della struttura. La Fondazione Bussolera-Branca si è fatta carico inoltre di sostenere economicamente la formazione degli operatori di Cascina Rossago rispetto alle attività dell'orto fornendo la consulenza e la supervisione della Fondazione Minoprio.

L'insediamento agricolo, con le attività che vi si svolgono, scandite dal ritmo delle stagioni, contribuisce a dare coerenza, ordine e sistematicità, coerenza e prevedibilità "naturali" alla vita di Cascina Rossago; in questo modo è facilitata la costituzione di un ambiente adatto alle caratteristiche e alle esigenze dell'autismo.

Vai alla gallery

 

 

 

 

Un trattamento globale

Un trattamento globale

La terapia occupazionale è una professione riabilitativa molto conosciuta all’estero ma ancora poco nota in Italia. Essa promuove la salute e il benesse...

Espressione della creatività

Espressione della creatività

Il laboratorio di pittura di Cascina Rossago si basa sulla libertà di scelta. Questo è indispensabile perché il dipinto possa testimoniare l’incontro tr...

Intrecci d'alpaca

Intrecci d'alpaca

Attivo dal 2006, il laboratorio di tessitura è stato concepito come parte finale di un ciclo che va dall’allevamento degli alpaca al confezionamento di ...

Magiche argille

Magiche argille

Le Magiche Argille è il laboratorio di ceramica di Cascina Rossago attivo dal 2003. Abbiamo voluto portare un gruppo di dieci ragazzi verso la conoscenza e...


Concerto dell'Orchestra Invisibile a Casale Monferrato
28 novembre 2015